martedì 29 gennaio 2008

eee sette giorni dopo

Dopo circa una settimana di pieno utilizzo dell'eee pc di asus, sono in grado di esprime un giudizio a mente lucida.
Devo dire che ho provato diverse distro sul piccoletto e ho utilizzato in particolare eeedora e eeexubuntu, basate rispettivamente su redhat e xubuntu, entrambe le distribuzioni utilizzano xfce come window manager che consente di presentare all'utente un desktop completo stile windows xp o gnome ma estremamente ben visibile nel piccolo schermo dell'eee e ottimamenti performanti.
Sfortunatamente la durata delle battarie e i tempi di boot e shoutdown delle due distro sono lontani dalle buone performance che si hanno con la xandros fornita di serie, quindi alla fine ho deciso di " costumizzare" la distro di serie per renderla più adatta alle mie esigenze.
Per prima cosa ho installato fluxbox e modificato lo script di avvio per caricare questo window manager al posto di icewm + easymode.
Ho installato in seguito nedit come rimpiazzo per kwrite, eterm (a mio parere il miglior emulatore di terminale di tutti i tempi), java6 sdk, blender e un tema compatto per firefox in aggiunta ad una piccolissima modifica al foglio di stile base per avere font di 8 pt nell'interfaccia.
L'eee pc si comporta molto bene con fluxbox, ad esempio con nedit, eterm e compilazione java in corso restano comunque 300 mega di memoria free.
Le prestazioni sono generalmente buone e l'occhio si abitua velocemente alla piccola risoluzioni, favorendo l'utilizzo di software con modalità fullscreen. (il mio tasto f11 è già consumato :) )
Ci si abitua velocemente anche alla tastiera diciamo dopo un paio d'ore di utilizzo non si notano rallentamenti di sorta. (sto scrivendo dall'eee ovviamente)
Direi che il piccolino si difende bene sia sulla programmazione che sull'utilizzo di openoffice (specialmente writer e calc, drow è praticamente inutilizzabile.)
Anche l'utilizzo di un piccolo ambiente lamp non penalizza le prestazioni.
L'unica pecca è l'interfaccia easy mode davvero penosa (ma facilmente sostituibile), e la scarsa durata delle batterie anche limitandosi al terminale (con ssh quindi tutto sulla macchina remota) l'utilizzo continuo esaurisce la batteria dell'eee in circa un ora e quarantacinque minuti.
Ovviamente le batterie costano care e in un prodotto dal basso costo l'asus è andata al risparmio promettendo di mettere sul mercato entro giugno batterie da 7200 mah che dovrebbero portare la durata a 3-4 ore di utilizzo continuo.
Altra nota positiva è la ram, ho trovato moduli da 2 giga compatibili sotto i sessanta euro, nel mio modello (4g 701) è inoltre molto semplice cambiare la ram, c'è uno sportellino con due viti sulla parte inferiore.
Note negative? Sinceramente dopo una settimanetta di utilizzo intenso non ne ho trovate, contrariamente a quanto si legge la tastiera è usabilissima e anche l'occhio si abitua presto a 800x480 (la risoluzione era una delle caratteristiche più criticate da chi non riconosce il merito innovativo di asus).
Per quanto riguarda i giochi ho provato due fps: AssaultCube e Warsov 0.40 entrambi sono molto fluidi e pienamente giocabili.
Se proprio si vuole trovare un difetto il piccolino è male bilanciato nel peso: meno di un kilo senza batteria, ed un kilo e sei con la batteria, quindi alle volte il peso della batteria rende difficile tenerlo sulle ginocchia. (di fatti le ridotte dimensioni dell'eee lo fanno utilizzare in luoghi e posizioni strane, quasi un kamasutra )
Il mio giudizio su questo prodotto è fortemente positivo, con fluxbox i tempi stretti di boot, meno di sedici secondi e cinque e qualcosa per lo spengimento me lo stanno facendo utilizzare anche per controlli mordi e fuggi di mail, blog, etc...
Un altro leggero difetto può essere rappresentato dall'installazione base di xandros che tenendo una partizione nascosta per il ripristino totale del sistema, lascia all'utente solo un giga e tre... ma visti i prezzi delle sd card non è un grosso problema.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

se vuoi puoi provare zenwalk è ottima e basata su slackware.

per la batteria basta scaricare i sorgenti del modulo acpi dal sito asus e compilarselo.

Cristiano Macaluso ha detto...

Credo che la tua sia stata una bella
presentazione sull'utilizzo del portatile. Adesso mi è proprio venuta voglia di andarlo a provare, sicuramente sabato andrò al MediaWorld a vederlo e se possibile ad usarlo. Bye.

Manualinux, il Manuale su Linux http://www.manualinux.com

Anonimo ha detto...

ecco http://dlsvr01.asus.com/pub/ASUS/EeePC/701/ASUS_ACPI_071126.rar

ma al mediaworld è esposto?!

/V ha detto...

Maledetto...io son all'estero e ho dovuto ordinarlo in UK dove non arrivera' prima di un paio di setitmane. In italia pure pare che prima dell'8 febbraio non abbinao consegne (almeno a Torino, dove Mediaworld non lo esponeva).

Ottima recensione davvero comunque e ottimi i consigli, me li segno subito in vista del suo arrivo...

Bibos ha detto...

Ciao,
ho riportato il link del tuo test sull'EeePC nel mio blog http://bibos.wordpress.com/2008/01/30/asus-eeepc-recensione-dopo-7-giorni-di-prova/

Saluti
Bibos

michelangelo giacomelli ha detto...

Volevo fare due precisazioni: intanto dopo aver fatto pubblicità a media world, io l'eee l'ho preso da tecnologie creative:
http://www.tecnologiecreative.it/
che hanno anche altri interessanti prodotti come la gp2x f200, sono molto professionali e gentili, tipo ordinato e in due giorni l'avevo, e poichè parlando con uno dei loro responsabili avevo accennato al fatto che lo schermo esterno della mia gp2x si era graffiato, me ne hanno spedito uno insieme al portatile come omaggio, quindi senza farselo pagare. (peraltro la gp2x nemmeno l'avevo presa da loro).
Due, per rispondere al primo commento anonimo, utilizzo linux dal 1999 e ovviamente i moduli del kernel per la batteria erano correttamente installati, ma a parità di servizi in background, window manager, etc... per la mia esperienza personale le distro debian based si comportano meglio, ho fatto le prove anche sul mio vecchio acer345, un notebook 12'', pentium 3 600mhz e 192 mb di ram, ho provato le seguenti distro: crux, slackware 12, zenwalk 5.0, xubuntu e sidux.
Sidux e xubuntu si comportano meglio come durata della batteria. Ma io preferisco utilizzare crux per la velocità pressoché impressionante. (e per gli script in stile bsd)
Sabato se ho tempo provo ad installare crux anche sull'asus

Anonimo ha detto...

ma sei sicuro del peso??

io controllerei, un kilo e sei è implausibile...

michelangelo giacomelli ha detto...

Si l'ho pesato con una bilancia elettrica di precisione, 96 grammi senza batteria e un kilo e 56 grammi con la batteria.

Anonimo ha detto...

gli etti, non dimentichiamoci degli etti!

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny